/La nigella sativa, aka “l’integratore della salute”
Olio di cumino nero

La nigella sativa, aka “l’integratore della salute”

L’olio di cumini nero viene anche spesso chiamato olio nero o olio di nigella sativa. Nonostante il suo nome più comune è un composto oleoso di colore ambrato che si estrae dai piccoli semi neri della Nigella sativa, una pianta del su- est asiatico. Nonostante la provenienza lontana, abbiamo scritti che evidenziano che questa pianta sia stata adoperata nei secoli anche in Europa Orientale, in Africa ed in tutto il Medio Oriente.

Tracce di olio di cumino nero sono state rinvenute nella tomba del faraone Tut ed esiste una citazione anche nell’antico testamento che lo deficisce come “in grado di curare tutto, tranne la morte”. Un esempio di recensione positiva nei secoli.

Di cosa si compone l’olio di cumino nero

Se ne avete già un flaconcino sotto mano potrete vedere dall’etichetta che include tutta una serie di integratori benefici che compongono l’olio di cumino nero, quali acidi grassi essenziali omega-3, -6 e -9 e fitosteroli, composti vegetali molto utili ad abbassare i valori del colesterolo.

Olio di cumino nero

Ma la maggior parte dei suoi benefici terapeutici probabilmente hanno a che fare con un composto attivo particolarmente potente chiamato timochinone (TQ), un antiossidante con proprietà antinfiammatorie, antiallergiche e stimolanti per il sistema immunitario. Un’alta varietà di elementi molto utili quindi, ma per cosa? Vediamolo insieme.

Per cosa si usa l’olio di cumino nero?

In realtà l’olio di cumino nero (https://vegamega.it/) viene utilizzato per tantissime cose, quello che faremo in questa sede è vedere quelli che sono gli usi più comuni.

Post nella stessa categoria: